"Con il consenso della gente si può fare di tutto: cambiare il governo, sostituire la bandiera, unirsi a un altro paese, formarne uno nuovo."

Gianfranco Miglio

BLOG Chi siamo Links Newsletter

In evidenza
Un plebiscito digitale anche per Trieste?
Come e perchè una consultazione triestina può rafforzare la via giudiziaria e consolidare il consenso per il Territorio Libero
Repressione antiveneta e diritto di resistere
Capire le ragioni della resistenza veneta per capire le ragioni del separatismo veneto
Dopo il Plebiscito: alcune osservazioni e una proposta
Una prima analisi sulle sfide per il dopo-Plebiscito
Un'idea per l'autogoverno del Territorio Libero di Trieste
Se Trieste creasse un'anagrafe del TLT...
Lettera aperta alle indipendentiste e agli indipendentisti del Veneto
La rivoluzione marciana va avanti: per portarla a compimento può servire un'Assemblea Nazionale Veneta
La sfida "Intraprendente" di Marco Bassani
Anche Diritto di Voto rilancia il "concorso intraprendente"
Il Liechtenstein e lo stato come impresa: un nuovo paradigma dell'ordine?
Il particolarissimo caso della monarchia di Hans Adam II, fondata sul diritto di autodeterminazione e di secessione
Reati di opinione: perché si può criticare lo Stato italiano
Una disamina dopo la condanna per vilipendio all'"Italia"
L’unione (italiana) è finita!
Libertà di sana e robusta secessione.
Roma capitale? Sì, ma di se stessa
Roma città-stato. Punto.
Il Territorio Libero e noi
La sfida e il significato del nuovo indipendentismo triestino

Editoriali
Il plebiscito digitale veneto e noi
Perchè Diritto di Voto sostiene il referendum telematico del 16-21 marzo 2014
Fino a quando, Presidente Maroni?
Quasi una lettera aperta al Presidente della Lombardia, su ciò che ha detto e su ciò che non ha fatto
Lo stato della (dis)unione
Catalunya, Veneto e Trieste nel racconto di fine anno del nostro direttore Alex Storti
I nostri auguri e una certezza
Gli auguri di Natale del Direttore Alex Storti
Catalunya, 2012-2013
Omaggio alla Catalogna e ai suoi insegnamenti
La marcia di Bassano: una svolta non priva di sfide
I movimenti indipendentisti e sociali veneti fanno cartello per invocare il diritto di decidere

Le nostre interviste
Intervista a Giovanni Dalla Valle
Conversazione sulla Scozia e le prospettive del percorso indipendentista
Luca Schenato, un Veneto in Svizzera
Dialogo con l'autore di "Vento è chi il veneto fa"
Intervista a Luca Azzano Cantarutti
Conversazione con il Presidente di Indipendenza Veneta sugli sviluppi del percorso referendario veneto
Intervista ad Andrea Favaro
Gli ultimi sviluppi del lavoro della Commissione di esperti giuridici istituita ai sensi della Risoluzione 44
Intervista ad Alessandro Vitale
Dialogo su indipendenza, federalismo, Europa, Gianfranco Miglio, Veneto, Trieste
Intervista a Giacomo Zucco (Tea Party Italia)
Intervista al portavoce del Tea Party Italia Giacomo Zucco, a cura di Alex Storti
Intervista a Alessio Morosin (Indipendenza Veneta)
Intervista ad Alessio Morosin
In esclusiva per "Diritto di Voto": Intervista a Eva Klotz
Eva Klotz a tutto campo sulle questioni cruciali riguardanti il diritto di decidere
Intervista a Sandro Gombac
Trieste Libera

I documenti
Il Friuli, Trieste, le foibe
Nella giornata del ricordo, qualche riflessione e il comunicato stampa dell'ANFeL
Il socialismo catalano e il referendum
Il terremoto indipendentista catalano rivoluziona l'area socialista
L'Associazione dei Municipi Catalani sostiene il referendum
In Catalogna i comuni indipendentisti si mobilitano a sostegno del referendum del 9 novembre

Scelti per voi
Omaggio alla Slovenia
Cosa ci insegna il percorso sloveno verso l'indipendenza
Le secessioni e il resto del mondo
Le responsabilità del Mondo (e dell'Europa) di fronte alle secessioni delle colonie fiscali europee
Secessioni in arrivo: prova del fuoco per la democrazia europea
2014: la prova del fuoco per la democrazia europea di fronte alle secessioni continentali
Fra Kosovo, UE e Catalogna
Analisi di Alex Storti e rilancio di Vicent Partal in merito alla preadesione del Kosovo all'UE
2014, via da Roma o morte
2014, via da Roma o morte

Articolo  Trieste resistente: i portuali vogliono il Porto Franco 

Di Alex Storti (del 17/07/2014 @ 22:24:04, in Trieste, linkato 402 volte)

A partire da domani mattina, venerdì 18 luglio, alle 6, il Coordinamento Lavoratori Portuali di Trieste (CLPT) ha proclamato il blocco totale delle attività nel Porto. Come recita seccamente il volantino bilingue (italiano-sloveno, ma con finale in un triestino tanto stretto quanto netto), il CLPT invita la cittadinanza tutta a lottare al fianco dei portuali, “finché non verrà soddisfatta la richiesta di applicazione integrale dell’Allegato VIII come previsto dalle leggi, nazionali e internazionali, vigenti”.

Il ritrovo, previsto in Viale Campi Elisi al Buffet Vita, costituisce la risposta al silenzio delle autorità di fronte ad una serie di precise richieste, che lo stesso Coordinamento ha avanzato il 3 luglio scorso, con lettera protocollata, inviata all’amministrazione portuale e, per conoscenza, a Sindaco e Prefetto di Trieste. Nella stessa il CLPT, “visto il perdurare della situazione critica ed irrispettosa che stanno vivendo gli operatori delle varie società operanti al molo 7° di Trieste” chiedeva “la revoca immediata dei permessi di lavoro rilasciati agli operatori esterni (Livorno e Taranto) sia amministrativi che operativi; immediato reintegro degli operai ancora disoccupati della ex cooperativa sopraccarichi; attuazione immediata in toto dell’allegato VIII (dal punto 1 al punto 20) all’interno del Porto Franco Internazionale di Trieste”.

La lettera si chiudeva con il preannuncio dell’imminente azione: passati 15 giorni [senza fattive risposte da parte delle autorità, il CLPT] si riterrà in dovere di dimostrare il proprio dissenso per il non rispetto delle sue richieste”.

In apparenza queste ultime riguardano vicende estremamente specifiche dell’attività del bacino triestino, fatta eccezione ovviamente per il terzo punto, che attiene invece alla natura stessa del Porto Franco, secondo quanto previsto dal Trattato di Parigi del 1947. Tale Trattato, lo ricordiamo, è stato recepito nell’ordinamento italiano con il Decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato n. 1430 del 28 novembre 1947 ed è stato quindi definitivamente ratificato con la Legge 3054 del 25 novembre 1952. Si tratta di norme tuttora vigenti, come dimostra fisicamente il fatto che sul sito ufficiale dello Stato italiano Normattiva se ne trovano i testi con pochi click (qui il Decreto e qui la Legge ).

Dicevamo che le richieste dei portuali sembrano unire rivendicazioni di piccola entità con altre che attengono alla storia con la “S” maiuscola. Sarebbe però una lettura ingenerosa. Infatti, ...

Continua a leggere...



Articolo  Venezia: una città, un universo 

Di Paolo Amighetti (del 17/07/2014 @ 15:54:18, in Veneto, linkato 326 volte)

Quanto segue è un piccolo brano tratto dall'opera dello scrittore inglese Peter Ackroyd, intitolata Venice: Pure City. Si tratta di un'appassionata storia della Repubblica di Venezia, vista con gli occhi incantati di uno straniero ammaliato dalla sua magia. Venezia è molto più di una città, sembra volerci suggerire Ackroyd: è un mondo piccolo, chiuso nella sua Laguna, che lo protegge da sempre, ma aperto al traffico delle genti e delle merci da e per l'Oriente e l'Europa, fino ed oltre gli orizzonti del ponente e del levante. La repubblichetta marinara dei sussidiari della scuola dell'obbligo viene riportata alla sua dimensione storica: quella di fiorente città affacciata sulle distese azzurre del Mediterraneo. Venezia fu mondiale anche perché vi si parlava il turco, l'armeno, il tedesco, il fiammingo, e perché vi si riversava tutto il mondo alla ricerca di rifugio, fortuna, opportunità (quand'anche si trattasse soltanto di diventar galeotti, cioè di riempire la pancia delle navi che uscivan dall'Arsenale per mettersi ai remi).  Era la New York dell'Evo medio e della prima modernità: le sue luci si spensero soltanto con Napoleone, che con atto di violenza cancellò la sua plurisecolare sovranità. Ma Ackroyd si sofferma, in questo brano, sullo splendore della città e sulla sua vocazione, sbalorditiva, allo scambio e al dialogo, e alla pacifica convivenza dei suoi abitanti con gli ospiti più disparati.  

*   *   *

La città di Venezia è stata costruita a mo' d'imbarcazione, perché fosse adatta al mare... Per i primi che l'abitarono, fece da scialuppa di salvataggio: era il porto degli esiliati e dei pellegrini. Città aperta, digeriva ed assimilava chiunque vi giungesse. Un viaggiatore del Quattrocento notò che «vi risiedono quasi soltanto stranieri», e nel secolo successivo, un veneziano confermava che  «fatta eccezione per il patriziato e per i cittadini, tutti gli altri sono forestieri»; si riferiva probabilmente ai bottegai e agli artisti. Nel 1611, il diplomatico inglese sir Dudley Carlton descrisse Venezia come "un microcosmo", più che come una città. Il suo carattere era, più che cittadino, universale: e tale rimase per gran parte della sua storia. Ospitava francesi e slavi, greci e fiamminghi, ebrei e tedeschi, gente d'Oriente e spagnoli, assieme ad un discreto melting pot un po' da tutta Italia, tanto che alcune strade traevano dai loro inquilini stranieri il loro nome. Tutte le nazioni d'Europa e del Levante vi erano rappresentate: tutti i visitatori se ne rendevano conto non appena giunti in quella Babele che doveva essere piazza San Marco.

Un porto gestito da tante genti non aveva eguali al mondo. In vari dipinti dell'Ottocento, ai costumi severi dei nobili veneziani e ai loro cilindri si mescolano le palandrane dei mercanti ebrei, i cappelli fiammeggianti dei greci e i turbanti dei turchi. Si potrebbe dire che i veneziani abbiano dato forma alla loro stessa identità in eterno confronto e contrasto con quella di coloro che ospitavano. I tedeschi trovavano in città la loro Germania in minatura nel complesso noto come Fondaco dei Tedeschi, a Rialto, munito di due sale da pranzo e ottanta stanze singole. I mercanti erano sì sorvegliati dal governo, ma si diceva che amassero la città «più che la loro stessa patria». Nel Cinquecento i fiamminghi si riversarono a Venezia. Anche i greci avevano il loro quartiere, con la loro brava chiesa ortodossa. Dopo il crollo di Costantinopoli (1204) e la conquista turca della città (1453), molti greci bizantini -soldati, marinai, artisti, intellettuali alla ricerca di un patrono- fecero vela verso Venezia. Non mancavano il quartiere albanese né quello armeno, e a San Lazzaro fu eretto persino un monastero: qui Byron imparò l'armeno durante il suo soggiorno in città (che gli riserbò anche altri piaceri, meno intellettuali). ...

Continua a leggere...



Articolo  Il Kurdistan è vicino (e ci dice qualcosa) 

Di Alex Storti (del 06/07/2014 @ 10:31:40, in Kurdistan, linkato 493 volte)

In questi giorni il presidente del Kurdistan iracheno, Massoud Barzani, ha manifestato l'intenzione di percorrere il sentiero della definitiva separazione dall'Iraq.

Si tratta di una rivendicazione non recente, anzi. Da tantissimo tempo i Curdi, in Iraq, Iran e Turchia, reclamano la costituzione di un proprio stato indipendente.
Tuttavia la posizione dei curdi dell'Iraq ha elementi di grandissimo interesse per chi, come noi, segue i processi di autodeterminazione in corso in Europa.
Vediamoli.

Innanzitutto Barzani ha detto che verrà indetto un referendum. Dunque la consultazione viene vista come strumento principe per consentire di dimostrare la volontà popolare a chi governa, inteso sia come leadership della Regione separatista, dello stato di appartenenza attuale e del resto del mondo. Questi sono infatti i "tre" attori giuridici pubblici principali che interagiscono sulla scena nel corso di un processo di autodeterminazione: la comunità politica istituzionalmente organizzata (che spesso viene definita "Regione"), lo stato all'interno della cui giurisdizione ricade la comunità separatista e, naturalmente, il complesso degli altri stati, cui tocca in particolare il compito di riconoscere, o meno, la nuova entità statuale indipendente formatasi a seguito della secessione. È appena il caso di specificare che l'insieme degli altri stati è solo virtualmente un attore omogeneo, in quanto, spesso e volentieri, solo una parte di essi riconosce il nuovo nato.

Proprio su questo particolare "rapporto a tre", tipico delle relazioni internazionali, si è soffermato recentemente Vicent Partal, direttore di Vilaweb, affermando che, nonostante tutti gli sforzi diplomatici profusi da Madrid, basterà per la Catalogna ottenere un iniziale riconoscimento di pochi stati, per potersi definire saldamente autosufficiente nella propria indipendenza; la Spagna, invece, avrebbe bisogno di un muro compatto anticatalano da parte di tutti gli stati, innanzitutto d'Europa e poi del mondo, condizione che non si realizzerà mai.

Ecco perchè la scelta curda dello strumento referendario quale mezzo per giungere alla secessione è molto interessante. Perchè dimostra che ...

Continua a leggere...



Articolo  Renzi fra l'incudine veneta e il martello catalano 

Di Alex Storti (del 04/07/2014 @ 17:59:58, in Veneto, linkato 800 volte)

Pochi giorni fa al Parlamento Europeo, durante la seduta inaugurale del mandato di presidenza italiano, un deputato catalano, Josep-Maria Terricabras, ha posto due domande semplici e chiarissime al premier Renzi (qui sotto il video).

Apparentemente la questione potrebbe essere derubricata a semplice dovere d'ufficio di un deputato dell'ERC di fronte al proprio elettorato, considerato l'appropinquarsi del 9 novembre, data prevista per il referendum catalano, e il fatto che tale data ricada proprio nel semestre italiano.

Non so, peraltro, se Renzi abbia risposto, non so se i regolamenti europarlamentari gli impongano di rispondere, dubito che egli, in ogni caso, si sbottonerebbe oltre il più classico dei "è una questione interna ad uno stato membro, non ho poteri di intervento, vediamo come va, maremma bu'aiola, ecc ecc".

Le cose, però, non stanno esattamente così. Al di là del mio personale apprezzamento umano e politico per il gesto dell'eurodepurato catalano, devo rilevare che, in forza di una curiosa coincidenza temporale, egli ha posto due quesiti-trappola a Renzi.
Perchè parlo di trappola? È presto detto....

Continua a leggere...



Articolo  Per la secessione della Lombardia 

Di Admin (del 01/07/2014 @ 19:02:42, in Lombardia, linkato 409 volte)

Riceviamo da Avanti - Collettivo Indipendentista Lombardo, e volentieri rilanciamo, i due volantini che sono stati distribuiti in occasione dei presidii svoltisi a fine maggio e a fine giugno di fronte al grattacielo Pirelli, a Milano. I volantini possono essere stampati e liberamente diffusi.

*   *   *

Maggio Maggio (r)

Giugno Giugno (r)


Articolo  Il nostro esperimento - Lettera di un antifederalista (III) 

Di Stefano Crippa (del 30/06/2014 @ 12:35:18, in Lombardia, linkato 221 volte)

Ai cittadini della Lombardia

Il governo generale ha superato ogni limite, l’ultimo proposta di riforma costituzionale è una violazione alle nostre libertà ed invito tutti i concittadini di questa Regione a leggere la proposta presentata.

Non sarà compito di questa lettera analizzare l’intero impianto della riforma sopra citata, ma ci dedicheremo ad altro: il nostro futuro!

Molte volte mi sono imbattuto nella seguente domanda: “va bene, ho capito il percorso per ottenere l’indipendenza e ristabilire i principi dell’autogoverno e comprendo le ragioni che ci spingono in quella direzione, ma dopo? Che stato faremo nascere? Sarebbe utile capirlo”.

Non ho mai voluto avventurarmi nella risposta, non perchè non l’avessi, ma perchè ritenevo che ognuno avesse il diritto alle proprie aspirazioni senza interferenze di opinioni che fossero soltanto le sue, ma col tempo e l’esperienza mi sono reso conto che eludere quella che ho ribattezzato “la domanda per antonomasia” non faceva bene alla nostra causa ed è per questo motivo che approfitterò dello spazio che mi fornisce gentilmente questo giornale per descrivere la mia visione della Lombardia del futuro.

Avverto i lettori, fin da subito, che la Lombardia che ho in mente è completamente diversa dallo stato che io desidero abbandonare.

La Lombardia che ho in mente sarà fondata su quei principi che hanno guidato ...

Continua a leggere...



Articolo  "Quale fiscalità nella Nuova Repubblica Veneta?" 

Di Admin (del 26/06/2014 @ 18:55:24, in Veneto, linkato 217 volte)

Riceviamo e volentieri rilanciamo il comunicato stampa di presentazione della serata pubblica che si svolgerà venerdì 27 giugno 2014 a Cittadella (Padova), dal titolo "Quale fiscalità nella Nuova Repubblica Veneta".

*   *   *

“QUALE FISCALITÀ NELLA NUOVA REPUBBLICA VENETA?”
Il gruppo di lavoro “Finanza e Bilancio” del progetto “Libro Bianco dei Veneti” presenta il primo dibattito territoriale aperto al
pubblico ed ai media


23 giugno 2014 - Il gruppo di lavoro “Finanza e Bilancio” del progetto “Conversazione Nazionale e Libro Bianco dei Veneti” ha organizzato un incontro pubblico dal titolo “Quale fiscalità nella Nuova Repubblica Veneta”. Il dibattito si terrà a Cittadella (PD) in data 27 giugno 2014 alle ore 20.45 presso la sala convegni “Torre di Malta” (angolo tra via Garibaldi e Stradella del Cristo).

Nel corso della serata si tratterà un tema fondamentale, analizzando il sistema fiscale sotto vari punti di vista, concentrandosi soprattutto sul punto di vista dei cittadini, che saranno i veri protagonisti dell’incontro. “Ti trovi d'accordo con l'attuale sistema impositivo? Che cosa cambieresti? Che tipo di Stato preferisci? Con una forte presenza nel sociale o preferisci meno tasse e pagarti in autonomia sanità e pensioni?” Queste ed altre le domande su cui il pubblico sarà chiamato a dare la propria opinione.

Ivano Durante
Direttore del capitolo “Finanza e Bilancio” del Libro Bianco dei Veneti

Recapiti:
Telefono: 366 7266045
Mail: ivano.durante@gmail.com
Web: http://repubblicaveneta.info

_____________________


Il progetto “Conversazione Nazionale Veneta e Libro Bianco” nasce sul modello delle “White papers” anglosassoni e della Conversazione Nazionale Scozzese per dar voce ai cittadini veneti sui principali temi che riguardano la sfera pubblica.
Si tratta di un progetto scientifico che mette al centro il parere del cittadino. Fine del progetto è la realizzazione di un documento che rappresenti una foto dello stato di salute del Veneto di oggi e proponga prospettive e soluzioni concrete per il suo futuro, partendo dal “basso”, dai cittadini e, in parte, dalla consultazione delle associazioni civili e di categoria.
Il capitolo Finanza e Bilancio è uno dei 26 capitoli già in cantiere ai quali sta lavorando uno staff di quasi cento volontari esperti in veri settori.



Articolo  Una risposta al signor Umberto Curi 

Di Admin (del 18/06/2014 @ 17:38:51, in Veneto, linkato 326 volte)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo una risposta di Michele Brunelli, militante indipendentista veneto, all'ultimo editoriale del signor Umberto Curi, nota firma dell'unitarismo a tutti i costi, pubblicato sul Corriere del Veneto del 17 giugno. Buona lettura.

*   *   *

Umberto Curi firma un interessante articolo sul Corriere del Veneto del 17 giugno 2014 intitolato «Plauto, il soldato e l'indipendenza». L'articolo è interessante perchè mostra oltre ogni ragionevole dubbio che l'antindipendentismo dei nazionalcentralisti italiani non trova valide argomentazioni.

Apparentemente corretto, l'articolo di Umberto Curi, infatti, nasconde già in partenza due premesse sbagliate che poi inficiano tutto il ragionamento, conducendo ad un errato giudizio di inutilità.

Il ragionamento di Curi è apparentemente lineare:
1) il consiglio regionale non può dichiarare l'indipendenza «Anche un bambino sa che non è e non può essere ... competenza di un'Assemblea regionale la dichiarazione di indipendenza»;
2) di conseguenza il referendum è inutile «l'indizione del referendum, assomiglia molto alle spacconate del soldato fanfarone»;
3) il consiglio regionale ha sperperato risorse in un'azione inutile;
4) l'articolo si conclude brevemente «Basterà loro ricordare quale sia la conclusione della commedia» di Plauto, rievocando nelle poche righe successive le bastonate e le minacce di evirazione indirizzate al soldato fanfarone protagonista del racconto.

Tralasciando i sottili - ma ben visibili - riferimenti alla violenza fatti da Umberto Curi, vediamo dov'è la premessa sbagliata da cui egli conduce la sua argomentazione errata: al primo punto.

Al punto 1) egli infatti dice che la dichiarazione di indipendenza non compete all'Assemblea regionale. Tuttavia il referendum non è una dichiarazione, bensì un modo democratico per conoscere l'opinione degli elettori. Conoscere l'opinione della popolazione è senz'altro utile, soprattutto quando la richiesta è sostenuta da decine di migliaia di persone, da più di 180 consigli comunali e da 4 consigli provinciali in rappresentanza di centinaia di migliaia di abitanti. Inoltre, se il referendum darà un risultato favorevole all'indipendenza del Veneto, esso sarà per noi doppiamente utile perchè darà un impulso ad un processo indipendentista democratico e pacifico del nostro Paese. Curi invece dice no. Un uomo solo, risoluto, oppone il suo personale arbitrio senza argomenti ad una richiesta democratica e pacifica che sale dalle persone e dalle istituzioni. Vero patriota italiano, Curi mostra di conoscere l'utilità del referendum addirittura prima che esso venga svolto. Come diceva bonariamente mia nonna in veneto quando le sparavo troppo grosse: «Curi va!»

Michele Brunelli
Bassano del Grappa / Basan



Articolo  "Quo vadis Katalonien?" 

Di Admin (del 17/06/2014 @ 12:36:21, in Catalogna, linkato 449 volte)

Riceviamo dall’amico tedesco -di origini lucane- Salvo Geno, e volentieri pubblichiamo, un report del recente convegno svoltosi in Germania dal significativo titolo “Quo vadis Katalonien?”, dedicato al processo separatista intrapreso dalla Regione (per ora) spagnola. Alla manifestazione ha preso parte, come ospite d’eccezione, lo storico presidente della Generalitat Jordi Pujol, le cui considerazioni ci vengono riportate da Salvo. Dalle relazioni emerge un approccio al separatismo che mescola (diciamolo pure, in modo assai abile) tematiche tipiche dell'etnonazionalismo classico e altre proprie del diritto di decidere più evoluto. La Catalogna resta un modello, con alcune contraddizioni rispetto a quanto sta accadendo ad esempio in Veneto e a quanto vorremmo accadesse quanto prima nella nostra Lombardia. Ma un dato è incontestabile: la convocazione del referendum catalano -ricordiamolo, ancora da formalizzare- ed il suo effettivo svolgimento segneranno un punto di svolta travolgente. Buona lettura, A.S.

*   *   *

Giovedì 22 maggio 2014 si è svolto nel Excelsior Hotel Ernst l’evento “Quo vadis Katalonien?” a Colonia in Germania. E’ stato organizzato dal gemellaggio Colonia/Barcellona e dal club della stampa cittadina.

Il prologo lo ha offerto Tilbert Dídac Stegmann, noto professore di lingua catalana all’Università di Francoforte sul Meno e amico del Presidente emerito della Generalitat di Catalogna, nonché ospite d’onore del convegno, Jordí Pujol i Soley.

Il Professore ha proposto un’osservazione appropriata della situazione catalana, paragonando la questione catalana e con essa la possibile disunione tra Catalogna e Spagna alla separazione nell’ambito di un matrimonio. Se una parte non vuole più la convivenza, un tribunale annulla il matrimonio, e così subentra almeno una situazione di neutralità o addirittura pace tra le parti.

Nel caso della Catalogna e della Spagna, laddove una parte è determinata a lasciare e invece l’altra parte reclama l’indivisibilità, pur vigendo il principio di indivisibilità sancito dalla costituzione spagnola, in  caso di esito positivo del referendum catalano, per la Spagna non resterebbe altro che accettare.

Il professore ha proseguito con l’osservazione dei dati storici. Correva l’anno 1714 allorché i catalani vennero annessi e sottomessi. Molto tempo dopo, durante la dittatura fascista del “caudillo” Francisco Franco, furono esperiti da parte spagnola tentativi di eliminazione della lingua e della cultura catalana.
Nel 1978, nonostante l’avvento della democrazia, dal punto di vista catalano, rimaneva una sorta di spada di Damocle, una trappola, come dimostrò il tentato golpe del febbraio 1981.

Questa trappola prese la forma dell’assetto istituzionale definito con l’espressione ...

Continua a leggere...



Articolo  Il punto a quattro giorni dal voto in Veneto sulla 342 

Di Admin (del 16/06/2014 @ 11:21:22, in Veneto, linkato 326 volte)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'opinione di Francesco Cuccato, indipendentista veneto e militante plebiscitario, in merito all'approvazione del progetto di legge 342, per l'indizione di un referendum regionale sull'indipendenza.

*   *   *

Il 12 giugno in Consiglio Regionale del Veneto è stato dato uno ‘storico via libera’, così come definito anche dall'eurodeputata della Lega Mara Bizzotto, che dall'alto del suo ranking europeo si batte da sempre per l'autodeterminazione e l'indipendenza dei veneti, ovvero l'approvazione della Proposta di Legge 342 denominata VALDEGAMBERI (di Futuro Popolare) sull'indizione del Referendum sull’Indipendenza del Veneto, con 30 sì, 12 no e un astenuto. Lega e Zaia favorevoli. Solo il PD ha votato contro compatto, per il resto le altre forze unite pro referendum, con Forza Italia e NCD spaccati. Passaggio reso possibile anche dai ragazzi di Indipendenza Veneta che hanno presentato 30 mila firme raccolte nei gazebi al Presidente Ruffato.

Giovedì sera noi di Plebiscito.eu, comitato organizzatore del referendum digitale per l'indipendenza del veneto caratterizzato dalla grandiosa risposta dei veneti, abbiamo festeggiato l’evento a Este in Piazza Trento, assieme a centinaia di veneti e Gianluca Busato ha precisato che ...

Continua a leggere...



Articolo  "L'Italia pluriculturale. Regionalismi, minoranze, migrazioni" 

Di Admin (del 11/06/2014 @ 17:03:12, in Europa, linkato 320 volte)

Riceviamo e molto volentieri pubblichiamo, da parte del Professor Alessandro Vitale (Università degli Studi di Milano), la recensione del volume polacco W³ochy wielokulturowe. Regionalizmy, mniejszoœci, migracje. (L’Italia pluriculturale. Regionalismi, minoranze, migrazioni), curato dalla studiosa Karolina Golemo e pubblicato per i tipi di Ksiêgarnia Akademicka lo scorso anno. Come potrete leggere, il volume dimostra che anche in Europa il punto di vista sulle vicende peninsulari sta mutando. La vulgata risorgimentale e nazionalfascista, fortunatamente, non è più un dogma.

*   *   *

L’immagine e l’immaginario che da centocinquant’anni l’Italia ha lasciato di sé nell’Europa Centrale e Orientale sta gradualmente cambiando. A poco a poco, il diradarsi delle nebbie lasciate dalle mitologie unitariste e risorgimentali, con tutti i loro strascichi parareligiosi lascia spazio a ben altre analisi e considerazioni, soprattutto sul piano accademico. Ne è testimonianza, fra gli altri, questo bel volume - di notevole valore e profondità - scritto quasi interamente da Karolina Golemo dell’Università Jagiellonica di Cracovia, con la collaborazione di specialisti di pregio (quali Agnieszka Ma³ek e Piotr Sternalski).

L’Autrice, una delle più profonde conoscitrici della penisola italiana nell’Europa Centrale, scavalca a piè pari le abituali letture dell’Italia (spesso ancora diffuse anche nel mondo anglosassone), basate sulla visione acritica e semplicistica di un Paese monolitico, dalla storia uniforme e privo di profonde e irriducibili differenze interne. Il Paese che emerge da questa approfondita analisi del caso italiano è, infatti, un conglomerato di convivenze, di differenze e di pluralità, sempre difficile da afferrare nella sua complessità. Il libro rivela così, innovando rispetto alla storiografia polacca sull’Italia, spesso ancora ferma alla piatta ricezione di quelle mitologie, l’emergere di una sensibilità diversa rispetto a quella a lungo prevalsa, sia in campo storico che sociologico e basata sul riverberarsi dell’esperienza italiana sulla storia dell’Europa Centrale e Orientale.

Il libro ha il pregio di andare ben al di là degli stereotipi storici, geografici e politici sull’Italia - ancora diffusi e molto influenti in questa parte d’Europa (si pensi all’influenza distruttiva esercitata sulla cultura politica serba o su quella dei vari risorgimenti e irredentismi nazionali: polacco, ungherese, ecc.) - speculari a quelli, rigidi e infondati, esistenti in Italia, sulla Polonia e sugli altri Paesi dell’area. Queste pagine sanno cogliere, come raramente è stato fatto in passato, l’esistenza e la multiformità nella penisola e nelle regioni settentrionali, di una composita pluralità di realtà regionali, linguistiche, culturali e di microcosmi, di mondi a parte basati su regole storiche e culturali, consolidatesi nel corso di secoli sotto differenti dominazioni e diverse forme politiche, che influenzano ancora oggi il modo di vita alla base del tessuto, tutt’altro che uniforme, delle convivenze locali italiane - nonostante i brutali tentativi di omogeneizzazione, esasperati sotto il fascismo (P. Sternalski).

Grazie alla metodologia sociologica, molto attenta al dato storico e utilizzando come solido punto di partenza il classico di Robert D. Putnam, Making Democracy Work, Civic Traditions in Modern Italy (1994), la pluralità esistente in Italia è vista nel volume come una ricchezza, al tempo stesso storica e contemporanea e non più come una “mancanza”. In particolare in queste pagine risaltano la ricchezza etno-linguistica esistente in Italia, l’incompletezza dell’unificazione italiana e i suoi problemi, il divario Nord-Sud, i microcosmi sociali esistenti nelle regioni di confine e nelle valli alpine, le diversità e le tensioni, viste come potenziali motori di innovazione e non più come fenomeni “attardati” o “regressivi”.

Oltre a questa solida base teorica va sottolineata l’attenzione, autentica rarità, che l’Autrice rivolge all’opera di Gianfranco Miglio e alle sue spietate analisi dell’unificazione, nonché a quella di Luigi Marco Bassani e di molti altri studiosi italiani su questo tema, largamente ignorati o censurati in Italia. Si tratta di un vero e proprio cambiamento di paradigma, che sa trarre dall’esperienza italiana non più l’esempio da seguire dell’omogeneità e dell’unificazione risorgimentale, ma le potenzialità date dalla diversità e dalla pluralità, dal policentrismo di origine comunale (nella sua parte settentrionale e centrale), dal tendenziale cosmopolitismo della sua migliore intellettualità, dal municipalismo irriducibile, dai casi paradigmatici di realtà come quella sudtirolese, valdostana, friulana, siciliana e sarda (descritte in modo molto obiettivo) e dalla capacità di ridisegnare le convivenze e di soddisfare in modo nuovo i bisogni emergenti, compresi quelli relativi al far fronte all’immigrazione - vista anche nelle sue potenzialità - che sta cambiando il tessuto sociale e etnografico italiano (Agnieszka Ma³ek).

Questo aspetto centrale del volume rivela in tal modo indirettamente un nuovo approccio (tipico ormai di intellettuali giovani e intelligenti dell’area centroeuropea e dell’Europa orientale, liberi da stereotipi e pregiudizi obsoleti) nel concepire le convivenze. Infatti, queste analisi dedicate all’Italia contengono in filigrana anche la scelta di temi specifici, analizzati mediante una lente d’ingrandimento posata su determinati oggetti di studio, che rivelano inevitabilmente sensibilità e scelte, influenze e attenzioni del tutto nuove, preziose per comprendere come - attraverso la ricezione del caso storico e contemporaneo italiano nella sua realtà delle sue strutture politiche e sociali e non più nella sua mitologia, sparsa a piene mani anche in questa parte d’Europa - può cambiare anche il modo di vedere anche il proprio Paese, in quest’area europea caratterizzato inevitabilmente da un composito e ricchissimo tessuto plurietnico, nel quale occorre trovare modi nuovi di ridisegnare la convivenza e per i quali viene riconosciuto indirettamente il potenziale apporto della pluralità irriducibile esistente in Italia. In questo senso l’esempio della pluralità delle convivenze radicatesi nell’Italia-Stato e irreggimentata a lungo nel letto di Procuste dello Stato unitario di stampo francese, viene studiata con occhi nuovi, obiettivi, attenti alla realtà e ormai  liberi dai veli di ideologie che con ogni evidenza hanno fatto il loro tempo.

 

Karolina GOLEMO (pod red.), W³ochy wielokulturowe. Regionalizmy, mniejszoœci, migracje. (L’Italia pluriculturale. Regionalismi, minoranze, migrazioni). Ksiêgarnia Akademicka, Kraków, 2013, Polonia, pagg. 259.



Articolo  Solidarietà con Jaume Sastre 

Di Admin (del 06/06/2014 @ 17:24:08, in Catalogna, linkato 441 volte)

Riceviamo e volentieri rilanciamo il comunicato di Help Catalonia, dedicato allo sciopero della fame del professore maiorchino Jaume Sastre. Invitiamo i nostri lettori ad associarsi alla campagna di sostegno lanciata in suo favore dal sito catalano. Grazie a tutti coloro che aderiranno.

*   *   *

La Catalogna esprime la sua solidarietà a Jaume Sastre, in sciopero della fame per difendere l’insegnamento del catalano nelle isole Baleari.

Help Catalonia ha promosso attraverso le reti sociali una campagna che consiste nel farsi una foto con un cartello dal messaggio “#Solidarity with #HungerStrikeForCatalan” (solidarietà nei confronti dello sciopero della fame per il catalano). L’obiettivo è fare arrivare la nostra solidarietà nei confronti della protesta a favore della lingua che si è messa in moto nelle isole Baleari; e il nostro supporto allo sciopero della fame di Jaume Sastre, per reclamare un insegnamento in catalano, difendere la immersione linguistica e aiutare a far conoscere a livello internazionale gli attacchi che patisce la nostra lingua all’interno dello Stato spagnolo. La campagna sta attraendo giornalisti di tutto il mondo che erano ignari del fatto che la lingua parlata a Valenza o Maiorca è la stessa che si parla in Catalogna.

Tra tutte le adesioni ricevute, vale la pena rimarcare quelle dei candidati ad eurodeputato dei partiti catalani, come Ernest Urtasun d’ICV,  Ramon Tremosa di CiU e Josep Ma Terricabras d’ERC, l’attore Juanjo Puigcorbé, lo scrittore lettone Otto Ozzols fotografato davanti al monumento alla libertà di Riga, ed i politici Joan Herrera, Dolors Camats, Ester Capella, Agustí Colomines, Quim Arrufat...

Informazione addizionale sulla campagna si può trovare a: www.helpcatalonia.cat
Potete scaricare il cartello da: http://www.helpcatalonia.cat/2014/05/selfie-for-solidarity-with.html
Potete vedere molte delle foto all’album di Facebook: https://www.facebook.com/Helpcatalonia/media_set?set=a.821243457887799&type=1

Helpcatalonia: helpcatalonia@gmail.com



Articolo  ...E i Serenissimi? 

Di Paolo Amighetti (del 05/06/2014 @ 12:19:28, in Veneto, linkato 352 volte)

Chi si ricorda più dei secessionisti veneti? Ma sì, quelli che volevano rifondare la Serenissima con una ruspa e un tubo. Quelli che, nella penombra di qualche garage del nord-est, tenevano raduni carbonari anti-unitari, in combutta con certi bresciani "male in arnese". Quelli che progettavano di aprire una nuova stagione di terrorismo. Quelli che Tv e giornali presentavano ad un tempo come pericolosi assassini e poveri fessi. Bene, la cosa si è del tutto sgonfiata. Non solo nessuno si ricorda più di loro; non solo nessun giornalista di spicco perde tempo ad informare i lettori dei recenti sviluppi degli arresti e delle condanne; scopriamo in queste settimane che tutto sommato "non erano terroristi", e che l'accusa di associazione eversiva va dunque ridimensionata, anzi accantonata. Una decina di giorni fa sono usciti dal carcere gli ultimi due detenuti, Luigi Faccia e Marco Ferro. Alcuni, tra cui Lucio Chiavegato e Franco Rocchetta, sono stati rilasciati e rimessi in libertà poco dopo il blitz delle forze dell'ordine. Altri hanno visto la propria pena ridotta ai domiciliari.

Ma li avete visti, i killer appena usciti dalle patrie galere? Si sono forse dati alla macchia, pronti di nuovo a soffiare sul fuoco della violenza e della lotta armata? Macché. Un po' smunti, un po' emozionati, si sono precipitati tra le braccia della moglie e dei figli. Hanno rilasciato qualche dichiarazione di circostanza in veneto stretto, per poi tornare a casa in serenità. Su chi hanno messo le mani, quelli del Ros? Su dei signori pacifici, non più giovanissimi, che si son presi uno spavento per colpa di una giustizia imbelle e arrogante: capace soltanto di colpire alla cieca e di scambiare (in buona fede è difficile crederlo) una grossa stupidaggine per un tentativo eversivo. Il tribunale di  Brescia, va detto, ha ridimensionato rapidamente la faccenda sin da metà aprile, semplificando la matassa delle accuse e cancellando le più gravi.

Rimane il dato politico già rilevato all'epoca degli arresti: è stato messo sotto processo non tanto un Tanko da carnevale, quanto l'aspirazione e il diritto dei veneti alla pacifica autodeterminazione. Il cosiddetto carro armato è servito da ...

Continua a leggere...



Articolo  Facciamo il punto: se Zaia non va al Referendum... (articolo completo) 

Di Alessandro Mocellin (del 04/06/2014 @ 14:26:35, in Veneto, linkato 803 volte)

Se Zaia non va al Referendum, il Referendum andrà da Zaia.

[parte prima] LA SITUAZIONE: Zaia non va al Referendum?

Il 16 settembre 2013 su lindipendenza.com fu pubblicato un articolo in cui analizzavo in termini semplici ma esaurienti la fattibilità di un referendum istituzionale sull'indipendenza del Veneto (invito a leggere: "Referendum Veneto: ecco perché si può fare e come").

In quel tempo, le due grandi questioni che tenevano banco nel dibattito politico veneto erano di forma e di sostanza.

Mancava la forma: non c'era un percorso giuridico ben delineato. Zaia aveva istituito una commissione di sei giuristi (tramite la Risoluzione 44) e dopo il deposito della diversa proposta di legge regionale 342 (c.d. PdL 342) qualcuno si chiedeva che cosa stesse aspettando per agire, altri lo condannavano in contumacia per immobilismo, altri ancora chiamavano cautela quel suo atteggiamento attendista.

Fino al consiglio straordinario del 17 settembre 2013, da osservatori esterni si intuiva come il Governatore del Veneto stesse cercando qualcosa che non trovava. Le sue espressioni dipingevano un "voglio, ma non posso", le sue richieste intonavano un inno alla libertà dei Veneti cantato a canone assieme ad una gridata preoccupazione verso quelle catene legali – dure e immaginarie al tempo stesso – che non parevano consentire quel ricercato inquadramento costituzionale del referendum che comunque, in qualche maniera, s'ha da fare.

Da parte mia, non temo nel dirlo, sono sempre stato tra coloro (non molti, in realtà) che ...

Continua a leggere...



Articolo  29 maggio, Festa della Lombardia 

Di Admin (del 29/05/2014 @ 01:52:43, in Lombardia, linkato 264 volte)

Oggi, giovedì 29 maggio 2014, si celebra la prima Festa della Lombardia, sulla base del provvedimento approvato dal Consiglio Regionale nello scorso mese di novembre.

Diritto di Voto, in collaborazione con Avanti - Collettivo Indipendentista Lombardo e con il progetto Smiles N' Roses, festeggia con questo breve video la ricorrenza.

Buona visione e auguri a tutti i cittadini lombardi che ci leggono (e anche ai non lombardi che ci sono comunque vicini)



Mancano poche ore ormai all’apertura dei seggi per le elezioni Comunali di domenica 25 maggio 2014. Si voterà anche per il Parlamento Europeo e, in vari Stati membri dell’Unione, si voterà (o si è già votato) per altre elezioni amministrative o politiche. Sono moltissimi i risultati che, pur indirettamente, ci potranno riguardare, come sostenitori del diritto di decidere e dei processi di superamento degli stati nazionali ottocenteschi. Si vota ad esempio in Belgio, per le elezioni Politiche, dove gli occhi sono puntati sulla fiamminga N-VA, protagonista di un percorso di progressivo svuotamento dello stato belga. Spostandoci  dal Mare del Nord al Mediterraneo, ci interessa naturalmente il risultato dei partiti sovranisti catalani, che vedono in queste elezioni europee un “antipasto” molto importante, in vista del referendum indipendentista del 9 novembre. Sarà interessante anche osservare la nuova geografia politica britannica, rivoluzionata dall’ascesa degli “indipendentisti” -verso l’Unione Europea- dell’UKIP, senza dimenticare lo Scottish National Party, per cui vale un discorso simile rispetto a quello fatto per i catalani.

Tuttavia vorrei dedicare questo ultimo pezzo pre-elettorale del nostro blog ad una realtà a noi decisamente più vicina. Mi riferisco al contesto veneto e, in particolare, al caso di Zero Branco, Comune del trevigiano, dove si presenta una lista che è emanazione diretta del comitato per il SI nel Plebiscito digitale dello scorso marzo. La compagine, che corre con il simbolo del medesimo comitato, è guidata da Giannarciso Durigon, militante indipendentista veneto da anni al fianco di Gianluca Busato, animatore della piattaforma plebiscitaria nonché principale esponente del Consiglio dei Dieci.

Perchè considero particolare il caso di Durigon e della sua lista? ...

Continua a leggere...



Articolo  Indipendentisti in corsa: Giuseppe Longhin 

Di Admin (del 23/05/2014 @ 18:11:24, in Comunali, linkato 185 volte)

Qualche settimana fa abbiamo chiesto ai nostri lettori di segnalarci (o di segnalarsi, se candidati essi stessi) la partecipazione di indipendentisti alle imminenti elezioni comunali del 25 maggio prossimo. Qui trovate l'articolo originale, per chi fosse interessato. Continuiamo la pubblicazione di quanto sino ad oggi ricevuto.

*   *   *

Giuseppe Longhin alla guida della lista Cambiare si può-Longhin Sindaco, si candida alla carica di sindaco del Comune di Cavaria con Premezzo (VA). Longhin riconosce espressamente il diritto di decidere e ha sostenuto fin dalla primavera 2013 i lavori del Comitato Lombardo per la Risoluzione 44 (CoLoR44) nel territorio varesino. E' uno degli animatori del coordinamento indipendentista Lombardi Uniti per l'Indipendenza (LUPI), al quale collabora come rappresentante del gruppo 300 Lombardi.

Il programma della lista capeggiata da Longhin dà risalto alla tutela della "lombardità" (è prevista la priorità nell'assegnazione delle case popolari, il bonus primo figlio per i residenti "storici", corsi di lingua, una carta sconto per i residenti "storici", e altro ancora nella medesima direzione).

Cavaria con Premezzo ha una popolazione di circa 5.800 abitanti ed è attualmente governata da una lista civica.



Articolo  Indipendentisti in corsa: Campo San Martino per l'indipendenza 

Di Admin (del 23/05/2014 @ 17:54:32, in Comunali, linkato 183 volte)

Qualche settimana fa abbiamo chiesto ai nostri lettori di segnalarci (o di segnalarsi, se candidati essi stessi) la partecipazione di indipendentisti alle imminenti elezioni comunali del 25 maggio prossimo. Qui trovate l'articolo originale, per chi fosse interessato. Continuiamo la pubblicazione di quanto sino ad oggi ricevuto.

*   *   *

Stefano Casotto, alla guida della lista Campo San Martino per l'indipendenza, si candida alla carica di sindaco del Comune di Campo San Martino (Padova). Casotto chiede ai cittadini il mandato per poterne fare il primo comune veneto a sostenere e promuovere ogni iniziativa che porti in breve tempo all'autodeterminazione del popolo veneto, per creare così una nuova Repubblica Veneta sovrana indipendente.

La lista si propone di dare pieno sostegno alla proposta di legge 342 per l'indizione di un referendum di consultazione per l'indipendenza del Veneto. Qualora lo stato italiano impugnasse la legge approvata, Casotto e colleghi si impegnano a sostenere l'eventuale dichiarazione di indipendenza unilaterale emanata dalla Regione del Veneto. In previsione, la lista punta ad impegnare forze e risorse per appoggiare il percorso di autodeterminazione regionale. Nello stesso solco, Casotto propugna il principio della consultazione popolare a livello comunale sui temi più importanti.

Campo San Martino ha una popolazione di circa 5.800 abitanti ed è attualmente amministrato dalla Lega Nord. 



Articolo  Intervista a Francesco Rossi (M5S) 

Di Admin (del 23/05/2014 @ 15:46:15, in Europa, linkato 372 volte)

Facendo seguito al video che vi abbiamo presentato ieri, pubblichiamo oggi un'intervista a Francesco Rossi, candidato al Parlamento Europeo per il Movimento 5 Stelle nella Circoscrizione NordEst. Ringraziamo il candidato per averci rilasciato in volata le proprie considerazioni sui temi a noi cari. Buona lettura.

*   *   *

AlexStorti) Dopo alcuni post di Beppe Grillo sul proprio blog e dopo alcune sue "toccate" in tema nei comizi in giro per le città venete, arrivano in questi giorni le tue dichiarazioni sul diritto di autodeterminazione, fino anche all'indipendenza, per i popoli europei, veneti inclusi. Non pensi però che il Movimento 5 Stelle, a livello di base militante, sia un po' rimasto indietro sul tema della democrazia diretta e sostanziale applicata anche ai confini di stato, proprio in quel Veneto che tanti voti ha dato, nelle Politiche 2013, alla lista pentastellata?

FrancescoRossi) Il tema del diritto dei popoli all'autodeterminazione è assolutamente in linea con il concetto di democrazia diretta e partecipata che il Movimento 5 Stelle considera fondamentale. Il Movimento ha avuto una crescita molto rapida in tutto il paese, è comprensibile che non vi sia stato ancora il tempo per sviluppare in modo completo alcune tematiche. L'autonomismo, la tutela delle culture ed identità locali, la necessità di mettere in discussione la struttura degli Stati nazionali centralisti, sono temi complessi ma di grande attualità. Finora il Movimento si è concentrato maggiormente sull'attacco al sistema politico-mafioso, costituito dalla partitocrazia, in quanto tale. L'obiettivo primario è quello di mandare a casa queste persone, questa classe politica e dirigente collusa e impresentabile. Per cambiare dobbiamo prima mandarli a casa. Il sistema non si riforma dal suo interno, i cittadini devono riprendersi le istituzioni. Noi non faremo alleanze con partiti italiani, in quanto è impensabile accordarsi con chi vogliamo mandare via. O noi o loro, non c'è più mediazione, i partiti non hanno più credibilità. Dopo che se ne saranno andati ogni argomento potrà essere affrontato, a partire proprio ed anche dal tema dell'autonomia e del federalismo e degli assetti istituzionali.

Come hai avuto modo di dire nella dichiarazione pubblicata su YouTube, il ruolo del deputato europeo è fondamentale nel supportare i processi di autodeterminazione in atto nel Continente. Se verrai eletto ti troverai di fronte il caso della Catalogna, che punta moltissimo sul supporto europeo per difendere il proprio diritto di decidere. Pensi di coordinarti con gli altri deputati non italiani -ce ne sono già molti- che hanno manifestato il proprio appoggio alla Generalitat de Catalunya? E nei confronti dei numerosi colleghi dell'M5S che arriveranno a Strasburgo come pensi di muoverti? Saprai trascinarli?

Se dovessi entrare nel Parlamento Europeo sosterrò il diritto all'autodeterminazione del popolo catalano, sicuramente facendo rete con gli altri che sosterranno questa battaglia. Si tratta del ...

Continua a leggere...



Articolo  Indipendentisti in corsa: Indipendenza Lombarda 

Di Admin (del 22/05/2014 @ 03:53:36, in Comunali, linkato 236 volte)

Qualche settimana fa abbiamo chiesto ai nostri lettori di segnalarci (o di segnalarsi, se candidati essi stessi) la partecipazione di indipendentisti alle imminenti elezioni comunali del 25 maggio prossimo. Qui trovate l'articolo originale, per chi fosse interessato. Continuiamo la pubblicazione di quanto sino ad oggi ricevuto.

*   *   *

Indipendenza Lombarda si presenta con propri candidati sindaco in ben nove Comuni bresciani: a Mura con Paola Dall'Asta, a Pertica Bassa con Diego Arrighini, a Lavenone con Mauro Rinaldi, a Treviso Bresciano con Roberta Brugnera, a Valvestino con Luigi Milini, a Longhena con Alessandro Marazzi, a Prestine con Raffaella Toninelli, a Paisco Loveno con Cesare Duranti e infine a Borgosatollo con il leader Giulio Arrighini. Nei primi otto la corsa è in solitaria, mentre a Borgosatollo il candidato guida una lista civica d'area, Arrighini Sindaco-Esperienza e dedizione. A beneficio dei lettori segnaliamo un recente articolo, apparso sul quotidiano online L'Indipendenza, in merito alla corsa elettorale del movimento indipendentista lombardo.

Il programma di governo dei candidati di Indipendenza Lombarda è ben riassunto da quanto dichiarato da alcuni di loro alla stampa locale. Leggiamo ad esempio che per Diego Arrighini bisogna dire "basta con lo spedire i soldi a Roma. Le risorse devono essere utilizzate sul posto per far crescere il paese" [si tratta di Comuni montani o pedemontani con progressivo spopolamento]. Secondo Cesare Duranti, "il nostro è un movimento indipendentista e per questo la nostra azione sarà volta a combattere lo Stato, il primo e principale artefice della crisi economica e morale: bisogna tornare a vedere i Comuni come risorsa da valorizzare, non da sfruttare e mettere alla fame".

"I problemi di Prestine, -afferma Raffaella Toninelli- tra cui il potenziamento della produzione di energia elettrica e la gestione di malghe e boschi, vanno affrontati utilizzando lo strumento della consultazione popolare, facile da adottare e privo di costi; secondo molti i piccoli enti sono destinati a sparire, ma con un sindaco di Indipendenza Lombarda non potrà avvenire: il nostro modello ricalca quello svizzero"

Per Paola Dall'Asta, "se farò io il sindaco i Consigli comunali saranno aperti a tutta la cittadinanza e decideremo insieme cosa farne dei soldi delle tasse, che non manderemo più a Roma, ma rimarranno qui. Non capisco perchè i piccoli paesi del Trentino possano essere così curati e ben serviti, mentre quelli della Valsabbia no. La differenza, lo sappiamo bene, sta tuta nel dove vanno le tasse"

Ad eccezione di Borgosatollo, che ha circa 9.100 abitanti ed è governato da una maggioranza di centrodestra, tutti gli altri otto comuni hanno meno di 1.000 abitanti (dal minimo di 200 di Paisco Loveno al massimo di 800 di Mura) e sono attualmente governati da liste civiche.



Ultimi commenti
Brava Luisa, accurata osservaz...
18/07/2014 @ 14:48:33
Di MIKIVR

l' italia è una Nazione davver...
18/07/2014 @ 10:05:07
Di Luisa G.

i miei avi facevano parte del ...
18/07/2014 @ 01:00:26
Di giuseppe

ESEMPIO DA IMITARE IN TUTTE LE...
18/07/2014 @ 00:55:46
Di giuseppe

fai bene Gianni... ti fa passa...
09/07/2014 @ 18:48:23
Di caterina

Nessuno mette in dubbio il lor...
09/07/2014 @ 17:59:31
Di Gianni

intanto comunque la Delegazion...
09/07/2014 @ 17:38:06
Di caterina

Forse Gianni ha solo tanta vog...
09/07/2014 @ 16:29:46
Di MIKIVR

CONCORDO PIENAMENTE CON QUELLO...
09/07/2014 @ 15:22:49
Di Eugenio

Concordo in pieno con Caterina...
09/07/2014 @ 14:43:12
Di Thomas


 


< luglio 2014 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             

Cerca per parola chiave
 





24/07/2014 @ 16:35:47
script eseguito in 125 ms